Prenotazione olio di oliva extravergine

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA 2015

Sulle colline dell’Abruzzo da alcuni giorni è iniziata la  raccolta e la spremitura delle olive. Da alcuni giorni è iniziata la raccolta delle o live per l'annata 2015 . Sono aperte le prenotazioni.  Si prevede la consegna nella settimana di prima di Natale. Consegna in lattine da 5 litri. Prezzo 7,50 Euro al litro. Acquisto minimo una lattina 37,5 Euro.  


Per prenotazioni

Scrivi a: cdu(at)uniud.it

Continuano le pubblicazioni di ricerche e studi scientifici dove l’olio di oliva è sempre il protagonista. Una ricerca eseguita al Miriam Hospital di Providence (Rhode Island, Usa) ha incoronato il principe della dieta mediterranea, l’olio d’oliva, come alimento vincente nella lotta contro il tumore femminile. Lo studio è stato condotto su 44 donne in menopausa e in sovrappeso con alle spalle una battaglia vinta contro il tumore, l'olio d’oliva si è dimostrato un alleato in grado di tagliare i chili in eccesso più efficacemente. Mary Flinn che ha coordinato lo studio finanziato dalla Fondazione Susan G. Komen e pubblicato sul Journal of Women's Health ha spiegato il perché "l’olio di oliva è più appagante, riduce l'appetito e al ricorso di spuntini fuori pasto, causa dell'aumento di peso",.Numerosi studi infatti, hanno già evidenziato che il sovrappeso e l’obesità, sono un fattore di rischio per la ricomparsa del cancro. In questa ricerca, l'80% delle donne che hanno seguito una dieta a base vegetale di olio d'oliva ha perso più del 5% del loro peso, rispetto al 31% che ha seguito un'altra dieta da 1500 calorie a basso contenuto di grassi.La “dieta mediterranea” è stata "arricchita di olio extra vergine d'oliva, che è una fonte di grassi sani  e comprendeva cibi salutari come vegetali, fagioli e altri prodotti vegetali

 

L’olio extravergine di oliva contiene importanti elementi (acido oleico, polifenoli e vitamine) in grado di influenzare positivamente vari processi metabolici dell’organismo, considerato ormai da tutti i massimi esperti come “alimento nutraceutico” cioè che possiede delle proprietà al di sopra di altri alimenti, in grado di regolare dei meccanismi che apportano un beneficio alla salute.
E’ stato ormai ampiamente dimostrato che i rischi di ammalarsi di tumore dipendono oltre che da fattori genetici anche da fattori ambientali ed alimentari. Circa il 34% delle neoplasie è determinato da fattori alimentari.
Numerosi studi epidemiologici hanno evidenziato una stretta correlazione tra dieta contenente grassi di origine animale e rischio di insorgenza dei tumori soprattutto mammella, stomaco, colon e prostata, viceversa l’assunzione di grassi prevalentemente di origine vegetale, come l’olio extravergine d'oliva, e basata sui principi della dieta mediterranea svolge un’azione protettiva sull’insorgenza di tali patologie.
Per limitare l’aumento di incidenza dei tumori è necessario insistere sulla prevenzione primaria che comprende una serie di interventi a vari livelli volti a ridurre o eliminare i vari fattori di rischio quali fumo, inquinamento atmosferico, obesità, infezioni, bevande alcoliche, elevato consumo di grassi animali, insaccati e carni in scatola.
Come è ben noto a tutti l’alimento principale della dieta mediterranea è sempre stato l’olio di oliva.
Nell’ultimo convegno “Olio e salute” di Arezzo è stato rafforzato ancora di più il ruolo e le proprietà benefiche dell’olio di oliva. Gli esperti, intervenuti all'incontro organizzato dalla Regione Toscana, hanno sottolineato ancora una volta l'importanza dell'olio nel quadro di un'alimentazione equilibrata per prevenire l’insorgenza di malattie gravi come i tumori, il diabete e le varie patologie cardiovascolari. Gli esperti hanno confermato che il principale elemento benefico è rappresentato dai fenoli, sostanze antiossidanti di cui, l’olio di oliva, ne è particolarmente ricco e sono infatti queste sostanze che aiutano le nostre cellule a difendersi dai danni dell’ossidazione, prevenendo in tal modo l’aterosclerosi e le lesioni del Dna.
Negli ultimi anni, numerosi studi pubblicati su autorevoli riviste scientifiche, hanno confermano che circa un terzo dei tumori è legato agli alimenti che si assumono e che la dieta mediterranea conferisce protezione nelle patologia tumorali. Sono infatti le popolazioni mediterranee che hanno percentuali inferiori di incidenza di malattie cardiovascolari e tumorali rispetto a quelle del nord Europa e degli Stati Uniti.
Va sottolineato anche che oltre al dimostrato ruolo preventivo/protettivo nei confronti delle patologie cardiovascolari, tumori e diabete l’assunzione di olio di oliva si è dimostrata in grado di modulare la funzione immunitaria, esibendo una chiara azione anti-infiammatoria, in grado di supportare i suoi effetti benefici nei confronti delle patologie a base ossidativa-infiammatoria (leggi ->  Olio di oliva extravergine fresco, antinfiammatorio naturale).
In conclusione il messaggio appare evidente! Seguire la strada della dieta mediterranea con l’utilizzo quotidiano di un buon olio extravergine di oliva (Olio di oliva di qualità), rafforza le nostre difese e ci aiuta a prevenire l’insorgenza di patologie tumorali
 

L’oliva è il frutto di quella straordinaria maestosità che ha l’albero di ulivo. Da questi generosi frutti, sin dai tempi più antichi si estrae l'olio di oliva.  Un frutto (drupa è il suo termine botanico) che, a seconda della varietà (cultivar, in Italia ne esistono circa 600 di cui quasi quattrocento iscritte ufficialmente nello schedario oleicolo Italiano) può avere una  forma ovale o rotonda.
La drupa è costituita dalla “buccia” (epicarpo), dalla polpa (mesocarpo), dal nocciolo (endocarpo).  E' all’interno dell’oliva che si forma spontaneamente l’olio, non bisogna quindi pensare che occorrono dei sofisticati sistemi per estrarlo. Chimicamente, il succo ricavato dalla spremitura, è formato da due componenti fondamentali: la parte saponificabile (circa il 98%) e la parte insaponificabile (circa il 2%).
Il pregiato condimento si conserva, all’interno dell’oliva, in minuscole sacche protette da una sottile membrana di antiossidanti, sostanze che impediscono il decadimento della clorofilla, degli aromi, delle vitamine, dei sali minerali, dei tannini e dei tanti altri componenti che aiutano la nostra salute (parte insaponificabile). La parte saponificabile è la parte "grassa", composta da gliceridi, acidi monoinsaturi, polinsaturi e saturi. In questa parte dell’oliva, le sostanze più importanti sono gli acidi grassi insaturi che hanno il pregio di non innalzare il colesterolo.
La parte insaponificabile (steroli, vitamine, pigmenti, polifenoli, idrocarburi, ecc.), anche se presente in quantità minima, è quella che influisce in maniera fondamentale sulla qualità nutrizionale, organolettica e sulla classificazione merceologica. Per mantenere elevata questa parte importante al fine di ottenere maggiore qualità, bisogna adottare dei particolari e rigorosi accorgimenti durante la raccolta, la lavorazione delle olive e nella conservazione dell’olio.
Alla fine del suo ciclo di maturazione una oliva è costituita mediamente da:
- acqua per circa il 45-50% (varia a seconda del andamento climatico)
- olio  per il 18-25% (varia a seconda del cultivar, e luogo di coltivazione)
- altro (carboidrati, cellulosa, ceneri…) per il 20-29%
E’ utile sapere che gli oli possono essere prodotti come monocultivar (monovarietali) e cioè solo da olive della stessa varietà, oppure come avviene nella maggior parte dei casi dalla combinazione di più varietà di olive, immaginate quindi l’assortimento degli oli italiani considerando che in Italia sono presenti oltre 600 diverse cultivar

analisi-olio 2015

Olio di oliva extravergine

L'olio di oliva è un olio alimentare caratterizzato da un contenuto molto elevato di grassi monoinsaturi. Nella tipologia vergine si ricava dalla spremitura meccanica dell'oliva, frutto della specie Olea europaea. Altre tipologie merceologiche di olio derivato dalle olive, ma con proprietà dietetiche ed organolettiche differenti, si ottengono per rettificazione degli oli vergini e per estrazione con solvente dalla sansa di olive.  Prodotto originario della tradizione agroalimentare del Mediterraneo, l'olio d'oliva è attualmente prodotto anche nelle altre regioni a clima mediterraneo. Per maggiori informazioni: Wikpedia.